giovedì 2 gennaio 2014

METEMPSYCO (1963) di Antonio Boccacci - recensione del film


METEMPSYCO (1963) di Antonio Boccacci
Nella prima metà degli anni '60 videro la luce diversi horror gotici italiani incentrati sul tema del doppio, con giovani e indifese eroine "moderne" che spesso reincarnavano un'antenata malefica e maledetta. È il caso, ad esempio, de La maschera del demonio (1960), Gli amanti d'oltretomba (1965) e I lunghi capelli della morte (1964), tutti e tre interpretati da una magnetica Barbara Steele, di recente tornata alla ribalta (almeno per gli appassionati del genere) nell'ottimo thriller di Gionata Zarantonello The butterfly Room - La stanza delle farfalle, che molto deve e molto rimanda al nostro cinema dei bei tempi andati. In mezzo a queste pellicole si insinua Metempsyco, di particolare rilevanza soprattutto in quanto attualmente non è disponibile in alcuna copia in lingua italiana.
Anche qui la giovane protagonista è ossessionata dal suo doppio, una nobile aristocratica che la perseguita nei suoi incubi, e viene condotta dal padre in un villaggio nei dintorni del castello della contessa per esorcizzare le sue paure (!). Nei pressi di un lago dove si accingerà a immergersi, ovviamente completamente nuda, incontrerà un giornalista giunto sul posto per indagare sull'omicidio di due giovani ragazze, apparentemente per mano di una creatura mostruosa...
METEMPSYCO (1963)
Uscito all'estero con il titolo Tomb of torture (La cripta delle torture), Memtempsyco sembra aver pesantemente ispirato quel Boia scarlatto che uscirà due anni dopo, ma la matrice è decisamente inferiore qualitativamente parlando (e non è che la pellicola di Massimo Pupillo fosse già di per sé un capolavoro). Trama fin troppo prevedibile, recitazione al minimo sindacale, siparietti semicomici inseriti senza il minimo riguardo, scenografie visibilmente in cartongesso (incredibile la leggerezza e la rapidità con cui vengono ribaltati i sepolcri contenenti i cadaveri e le anime delle creature maledette), tensione praticamente assente, anche per via del trucco del mostro, insufficiente anche per l'epoca, che ricorda un mix tra Il gobbo di Notre Dame di Delannoy del 1956 e I goonies di Spielberg (impossibile non pensare al leggendario Superslot), Metempsyco ha dalla sua parte l'interesse suscitato dal tasso di violenza e orrore sicuramente all'avanguardia per il periodo in cui è stato girato e per la totale irreperibilità della pellicola sul nostro territorio, dal momento che è disponibile esclusivamente in due edizioni in inglese (con il titolo sopracitato) e in francese (Le manoir maudit).

METEMPSYCO (1963)
Regia: Antonio Boccacci [Anthony Kristye]; Soggetto: A. Kristye, Giovanni Simonelli [Johnny Seemonell]; Sceneggiatura: A. Kristye, Giovanni Simonelli [Johnny Seemonell]; Interpreti: Annie Albert, Tony Maky, Elizabeth Queen, William Gray, Mark Marian, Bernard Bly, Emy Eco, Terry Thompson, Adriano Micantoni, Fred Pizzot, Flora Carosella, Corrado Sonni, Bernardo D'Angeli, Andrea Scotti, Maria Teresa Sonni; Fotografia: William Grace; Musica: Armando Sciascia; Costumi: Casa Werther, Danilo Zanetti; Scenografia: Danilo Zanetti; Montaggio: Jean-Pierre Grenet; Suono: Johnny Harold; Produzione: Virginia Cinematografica (1962); censura: 39769 del 20-03-1963; Altri titoli: Le manoir maudit, Bestie von Schloss Monte Christo


Recensione a cura di:
Claudio Questa | Crea il tuo badge


Già pubblicata sul blog "A Wild' Wolrd" gestito dall'autore stesso:
http://wildenbruck.blogspot.it/2014/01/cinema-metempsyco.html

Pagina Facebook collegata:
Giallo italiano/Italian giallo | Promuovi anche tu la tua Pagina


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...