SUSANNA... ED I SUOI CASTI VIZI (1967-1973) - I FILM CHE COMPONGONO LA SAGA

SUSANNA... ED I SUOI CASTI VIZI
Quando in Italia il nudo integrale non era stato ancora sdoganato e la censura sforbiciava a più non posso, dalla Germania, arrivava sugli schermi nostrani il primo capitolo di una saga, quasi tutta con la partecipazione produttiva italiana, che avrà ben cinque sequel. Protagonista di queste avventure ottocentesche ambientate in diverse parti d'Europa nell'epoca napoleonica è Susanna (interpretata dall'attrice Ungherese Terry Torday), una commediante girovaga, eroina indiscussa che salverà il popolo da inganni e soprusi aiutando addirittura lo stesso Napoleone Bonaparte, quando di questi viene messa in dubbio la virilità.
Nei vari capitoli, Susanna, è contornata da alcune delle più belle attrici dell'epoca, tra le altre ricordiamo: Pascale Petit, Rosemarie Lindt, Femi Benussi, Edwige Fenech, Daniela Giordano, Margaret Lee, Rosalba Neri e Sonja Jeannine, che verrano spesso utilizzate per dare allo spettatore quel pizzico di proibito che ci si aspettava da questi film. Infatti nonostante nei titoli italiani venissero decantati i suoi dolci vizi, Susanna, rimane il personaggio più casto dell'intera saga, concedendoci giusto qualche fugace nudo di schiena, o in qualche raro caso un piccolo accenno di seno. 
Il braccio destro di di Susanna è Ferdinando, suo collega e partner (interpretato dall'attore tedesco Harald Leipnitz). Nel cast dei vari sequel compariranno anche diversi attori nostrani tra cui Lando Buzzanca, Carlo Delle Piane, Gabriele Tinti e Galliano Sbarra. 
Presenza fissa nel filone è invece quella di Jacques Herlin nel ruolo del perfido Dulac.
Nel quarto e quinto capitolo della saga il nome di Susanna, nella versione italiana, viene cambiato in Ilona e Justine. Mentre nell'ultimo capitolo la protagonista muore con il nome di Susanne D'Alette.

I DOLCI VIZI... DELLA CASTA SUSANNA (1967)
I DOLCI VIZI... DELLA CASTA SUSANNA (1967)
Regia: Franz Antel
Sceneggiatura: Kurt Nachmann
Produttore: Franz Antel, Kurt Kodal
Casa di produzione: Aico Film, Hungarofilm, Neue Delta Filmproduktion
Fotografia: Siegfried Hold
Montaggio: Enzo Micarelli
Musiche: Johannes Fehring, Gianni Ferrio
Interpreti e personaggi: Teri Tordai: Sexy Susan / Suzanne Delberg (con il nome Terry Torday); Mike Marshall: Anselmo, uno studente; Pascale Petit: Caroline; Harald Leipnitz: Ferdinand; Jacques Herlin: Count Dulce; Claus Ringer: Roderich; Hannelore Auer: Sophie; Gunther Philipp: Wendich; Oskar Sima: Goppelmann; Franz Muxeneder: Pumpernickel; Judith Dornys: Dorine; Rosemarie Lindt: Berthe; Raoul Retzer: Sergente; Karl Krittl: Bitterling; Ljuba Welitsch; Zoltán Basilides; József Szendrõ; Annamária Szilvássy; István Velenczei.

Trama: Nel primo capitolo della saga, Susanna, diventerà padrona di un osteria, e dandosi da fare con i suoi amici teatranti, trasformera la vecchia catapecchia in una locanda di tutto rispetto, finchè i benpensanti del paese metterano in giro alcuni stornelli boccaceschi, raccontando a suo di musica che razza di bordello si nasconde dietro le mura di quella osteria. Susanna incontra Anselmo, un giovane rivoluzionario e innamoratasi di lui lo aiuterò a sventare un colpo di stato ordito dal perfido governatore Dulac.

SUSANNA... ED I SUOI DOLCI VIZI ALLA CORTE DEL RE (1968)
SUSANNA... ED I SUOI DOLCI VIZI ALLA CORTE DEL RE (1968)
Regia/Director: François Legrand
Soggetto/Subject: Kurt Nachmann
Sceneggiatura/Screenplay: Kurt Nachmann, Gunther Eberd
Interpreti/Actors: Jeffrey Hunter (conte Enrico Di Lucca), Terry Torday (Susanna), Harald Leipnitz (Ferdinando, attore), Pascale Petit (duchessa Elisa Bonaparte), Jacques Herlin (Hyppolith St. Laduc), Hannelore Auer (Sophie, attrice), Gustav Knuth (lord Giessen), Rolf Wolter (libraio), Heinrich Schweiger (Napoleone), Edwige Fenech, Carlo Delle Piane, Femi Benussi, Daniela Giordano, Erich Padalewski, Franz Muxender, Rosemarie Lindt, Umberto Di Grazia, Judith Dornys, Annemarie Szilvassy, Bela Emeyi, Reza Fazelli, Eva Vadnay, Georg Maday
Fotografia/Photography: Hans Matula
Musica/Music: Gianni Ferrio
Scene/Scene Design: Herta Hareiter
Montaggio/Editing: Luciano Anconetani, Enzo Micarelli
Suono/Sound: Willy Bauman
Produzione/Production: Aico Films, Neue Delta Film Produktion, Wien, Terra Filmkunst, München/Berlin
Distribuzione/Distribution: Aico
censura: 52854 del 07-12-1968

Trama: Susanna, per aiutare Andrea di Santa Croce, si reccherà a Lucca nelle vesti di uomo per consegnare al fratello del conte alcuni importanti documenti. Tornata a Giessen, insieme ai suoi amici, eviterà un attentato ai danni di Napoleone, denudandosi in piazza insieme alle sue colleghe. Infine dopo aver ottenuto un'udienza da Napoleone, Susanna, smaschererà ancora una volta il perfido governatore Francese.


IL TRIONFO DELLA CASTA SUSANNA (1969)
IL TRIONFO DELLA CASTA SUSANNA
Regia/Director: François Legrand
Soggetto/Subject: Kurt Nachmann
Sceneggiatura/Screenplay: Kurt Nachmann, Vittoria Vigorelli
Interpreti/Actors: Terry Torday (Susanne Delberg), Claudio Brook (barone Ambras), Margaret Lee (Paolina Bonaparte Borghese), Jacques Herlin (ambasciatore Dulaikeff), Heinrich Schweiger (Napoleone Bonaparte), Ralf Wolter, Edwige Fenech, Rosemarie Lmdt, Judith Dornys, Gritt Freyberg, Umberto Di Grazia, Erich Nikowitz, Franz Muxender, Kari Michael Vogler, Harald Leipnitz, Eva Vadnai, Anne Marie Szilvassi, Georg Maday, Erich Padalewsky, Eva Vodickova, Sissi Lovinger, Guido Wieland, Gitte Korner, Lando Buzzanca (conte Lombardini), Helga Korner
Fotografia/Photography: Hans Matula
Musica/Music: Gianni Ferrio
Montaggio/Editing: Luciano Anconetani
Suono/Sound: Willy Bauman
Produzione/Production: Sargon Films Roma, Aico Films, Neue Delta Film Produktion, Wien, Terra Filmkunst, München/Berlin
Distribuzione/Distribution: Delta Film
censura: 54224 del 30-07-1969

Trama: Susanna, in viaggio a Parigi, conoscerà il giovane Adrian D'Ambras, nemico del governatore. Un giorno a palazzo verrà messa in dubbio la virilità di Napoleone e Susanna, inscenerà così una commedia presentandosi a corte come ragazza madre vittima della virilità di Napoleone. Dopo aver finalmente risolto la vicenda, domanderà a sua maestà la grazia di lasciar libero Adrian.


QUANTE BELLE FIGLIE DI... (1970)
QUANTE BELLE FIGLIE DI...
Regia: Franz Antel
Attori: Terry Torday, Glenn Saxson, Jacques Herlin, Gunther Philipp, Harald Dietl, Fritz Muliar, Herbert Propst, Herbert Hisel, Wolfgang Jansen, Paul Löwinger
Sceneggiatura: August Rieger, Kurt Nachmann
Fotografia: Hanns Matula
Montaggio: François Legrand
Produzione: FRANZ ANTEL TERRA (BERLINO) NEUE DELTA (VIENNA)
Genere: Commedia
Anno: 1970

Trama: Ilona, per non finire maritata a un vecchio visconte fugge di casa in vesti maschili prendendo il falso nome di Peter e unendosi a un gruppo di soldati. Finché un giorno, Stefan (un soldato) si accorgerà che sotto quelle vesti maschili c'è una bella fanciulla e presto se ne innamorerà. Arrivata a Vienna, Ilona, grazie all'aiuto della sua sorella gemella, chiarirà una volta per tutte la sua situazione agli occhi del suo amato Stefan.



LE PIACEVOLI NOTTI DI JUSTINE (1971)
LE PIACEVOLI NOTTI DI JUSTINE
Regia/Director: François Legrand [Franz Antel]
Interpreti/Actors: Paola Arduini, Poldo Bendandi, Jacques Herlin, Harald Leipnitz, Paul Löwinger, Willy Millo Witsch, Rosalba Neri, Rudolf Prack, Andrea Rau, Glenn Saxson, Terry Torday
Musica/Music: Gianni Ferrio
Produzione/Production: Italian International Film, Mafilm, Budapest, Neue Delta Film Produktion, Wien, Terra Filmkunst, München/Berlin
Distribuzione/Distribution: Italian International Film
censura: 58322 del 27-05-1971

Trama: Justine arrivata a Tursa verrà a conoscenza, che la città è governata da un impostore, infatti egli con tasse e soprusi ha abolito ogni forma di piacere. Justine aprirà così una locanda, dove finalmente il popolo potrà divertirsi, una volta per tutte, alle spalle del governatore bacchettone. Dopo aver incontrato il conte Trenck, colui che dovrebbe essere il vero governante di Tursa, Justine riporterà finalmente la calma e l'allegria in paese. Trenck, ormai innamoratosì di Justine è disposto ad abbandonare il trono, ma per il bene del popolo, Justine, fugge ancora una volta con il suo Ferdinando.


LEVA LO DIAVOLO TUO DAL... CONVENTO! (1973)
LEVA LO DIAVOLO TUO DAL... CONVENTO
Regia/Director: François Legrand [Franz Antel]
Soggetto/Subject: Vittorio Vigorelli, Kurt Nachmann
Sceneggiatura/Screenplay: Vittorio Vigorelli, Kurt Nachmann
Interpreti/Actors: Femi Benussi, Gabriele Tinti, Terry Torday, Galliano Sbarra, Paul Loewinger, Christine Losta, Marika Minozenty, Sonia Jeanine, Maja Hoppe, Kurt Grosskurt
Fotografia/Photography: Siegfried Hold
Musica/Music: Stelvio Cipriani
Montaggio/Editing: François Legrand [Franz Antel]
Produzione/Production: Cinemar, Malory Produktion, München, Neue Delta Film Produktion, Wien
Distribuzione/Distribution: Cinerad
censura: 62179 del 11-04-1973

Trama: Vincent, un giovane esecutore testamentario, si reca in un collegio alla ricerca della figlia di Susanne Dalette (la più grande peccatrice d'Europa,ormai defunta). Nell'istituto ci sono ben cinque ragazze orfane, che con storielle assai boccaccesche, cercheranno di convincere Vincent di essere uguali alla loro madre. Ben persto si scoprirà che sono tutte e cinque figlie di Susanne e l'erdità dovranno dividersela a vicenda.

E così con ''leva lo diavolo dal... convento'', il capitolo più erotico della serie, che non a caso ha una notevole somiglianza con i decamerotici nostrani, si conclude l'avvincente ed erotica saga della nostra eroina ottocentesca.

Recensione a cura di:
Alessandro Piano

Commenti