mercoledì 23 novembre 2016

LA CENA DI NATALE (2016)

La cena di Natale - Locandina
Regia: Marco Ponti
Soggetto: Marco Ponti
Sceneggiatura: Marco Ponti
Casa di produzione: I.I.F. Italian International Film
Distribuzione: (Italia) 01 Distribution
Fotografia: Roberto Forza
Montaggio: Consuelo Catucci
Musiche: Gigi Meroni
Interpreti e personaggi: Riccardo Scamarcio: Damiano; Laura Chiatti: Chiara; Michele Placido: Don Mimì; Maria Pia Calzone: Ninella; Antonella Attili: Lorenza; Eugenio Franceschini: Luca; Antonio Gerardi: Damiano; Veronica Pivetti: Veronica; Eva Riccobono: Eva; Dario Aita: Dario; Giulia Elettra Gorietti: Lara; Uccio De Santis: Uccio; Crescenza Guarnieri: Maura; Ivana Lotito: Angela; Angelo De Matteis: Antonio
Lingua originale: italiano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2016
Durata: 95 min

Dopo Io che amo solo te torna la coppia Scamarcio-Chiatti in un’ideale prosecuzione di buoniste gesta familiari, guastate da corna e parenti serpenti.
Chiara, incinta di 8 mesi e suo marito Damiano, si apprestano ad affrontare la consueta cena di Natale nella cornice di Polignano a Mare (Puglia). Lei è entusiasta, mentre lui la trascura e ha un’amante che gli confesserà ben presto di essere in dolce attesa…I bambini potrebbero diventare due e Chiara mangia la foglia ben presto, fomentata da un’amica sospettosa e paranoica.

Ma nonostante i sospetti, gli screzi,gli amici pettegoli, gli impegni di lavoro, bisogna trovare le forze per ricomporre la famiglia la sera di Natale a casa di Matilde, la madre di Damiano. Matilde è meravigliata dal regalo di Don Mimì (suo marito), che dopo averla trascurata negli ultimi tempi, le fa avere un anello di smeraldo e decide contro i programmi già stabiliti di invitare la sua famiglia e i consuoceri nella sua grande casa.
Attorno a quella tavola vediamo una nutrita schiera di personaggi, storie che si intrecciano, equivoci che minacciano di far esplodere una notizia-bomba e constatiamo tanti film del passato più recente in un coktail più o meno voluto di citazioni: Parenti serpenti, Indovina chi viene a Natale, Una famiglia perfetta o Happy family.
Anche in questo film non poteva mancare la ragazzina complessata sessualmente che si fa regalare un vibratore o la storia gay di un avvocato che, mentre tresca con l’impiegato di una boutique conosciuto in famiglia, è impegnato a dare un figlio alla sua migliore amica lesbica, una Eva Riccobono che coniuga con arguzia e spirito burlesque sensualità e comicità.
Non manca nemmeno nel tableau di famiglia, la zia snob milanese (Veronica Pivetti) venuta a trovare Matilde, che punta molto a distinguersi da quel branco di paesani meridionali. Ma il suo personaggio non è ahimé molto valorizzato.
Tra capitoni, ansiolitici, test di gravidanza, amanti stalker, ascensori bloccati ne succederanno di tutti i colori…ma l’happy end di Natale è sempre in agguato. Chiara e Damiano si riconcilieranno prima del parto?
Dal suo best-seller omonimo, Luca Bianchini riporta sullo schermo grazie alla regia di Marco Ponti i personaggi del suo primo romanzo. Il risultato è senz’arte né parte, ma abbastanza discreto da trascinare via lo spettatore in un’ora e mezza di spensieratezza. Belli i paesaggi, le luci natalizie e il clima paesano
Ma i luoghi comuni dell’attuale commedia all’italiana (esiste ancora una commedia all’italiana?) pullulano e si poteva fare di più.
Il regista ci tiene a sottolineare di aver dedicato il film a Bud Spencer. Apprezziamo il ricordo e lo sforzo, anche se forse il grande Piedone avrebbe preferito un film di altro genere per essere commemorato

Recensione a cura di :
Guido Colletti

Crea il tuo badge



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...