domenica 24 novembre 2013

LA PIU' BELLA SERATA DELLA MIA VITA (1972)

Regia/Director: Ettore Scola
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Sergio Amidei, Ettore Scola
Interpreti/Actors: Alberto Sordi (Alfredo Rossi), Michel Simon (Zorn, procuratore), Pierre Brasseur (conte La Brunetière), Charles Vanel (Dutz, giudice-presidente), Claude Dauphin (Buisson, cancelliere), Janet Agren (Simonetta, la motociclista), Giuseppe Maffioli (Pilet), Dieter Ballmann (meccanico), Hans Ballmann (altro meccanico), Bruno Boschetti, Giorgio Ricci
Fotografia/Photography: Claudio Cirillo
Musica/Music: Armando Trovajoli
Costumi/Costume Design: Luciano Ricceri, Bruna Parmesan
Scene/Scene Design: Luciano Ricceri
Montaggio/Editing: Raimondo Crociani, Loredana Cruciani
Produzione/Production: Produzioni De Laurentiis - International Manufacturing Compa, Produzioni Cinematografiche Inter. Ma. Co., Columbia Films, Paris
Distribuzione/Distribution: C.E.I.A.D.
censura: 61548 del 13-12-1972
Altri titoli: The Most Wonderful Evening of My Life, La plus belle soirée de ma vie

Tratto dal libro “La Panne. Una storia ancora possibile” di Friedrich Dȕrrenmatt,
il film è stato adattato da Ettore Scola e Sergio Amidei e in un certo senso “italianizzato”. 
Un certo Alfredo Rossi (Alberto Sordi) va in Svizzera per riscuotere una gran bella cifra di denaro. Non riesce ad arrivare in tempo in banca e nel frattempo da buon italiano, amante delle donne, insegue focosamente una
bella motociclista. Ad un tratto l’automobile che guida (una Maserati) va in panne e passa la giornata e la nottata in un castello presieduto da magistrati tutti in pensione. Per scherzo, verrà processato.
E’ un film particolare, coraggioso. Coraggioso perché un’opera drammatica è stata spostata verso una sponda più comica, con un tono più vicino alla commedia. Qualcuno potrebbe pensare ad una snaturazione dell’opera. No, a mio avviso, è stata italianizzata.
Il film è una chiara rappresentazione dell’italiano medio, un profondo atto d’accusa nei confronti di una società poco seria, nei confronti di tutti i Dottor Rossi che spacciano il loro diploma per una laurea, nei confronti di chi ha una Maserati per sentirsi un borghese di alto bordo, nei confronti di chi affronta la vita sempre in modo esageratamente allegro e mai serio. Per fare ciò, chiaramente occorreva spostare l'asse drammatico verso un asse più comico.
Film scorrevole e attuale, forse più oggi che allora, un film che ha retto all’usura del tempo e che (forse) addirittura è “maturato”. Splendido Sordi, in piena forma, istrionico. Chi meglio di lui poteva mettere in luce le caratteristiche dell’italiano medio, dell’italianità che sfociano nell’emblematica e paradossale scena dell’arringa? Ad uno straripante Sordi, fanno da contrappunto i giudici seriosi, ottimamente interpretati da mostri sacri del cinema francese ovvero Michel Simon, Charles Vanel, Claude Dauphin e Pierre Brasseur. Da non dimenticare, Janet Agren, bella e brava.
Ottime le musiche di Armando Trovajoli , veramente interessanti, messe al punto giusto, la fotografia di Claudio Cirillo e la scenografia di Luciano Ricceri.
In conclusione, film per me sublime, notevole, da non sottovalutare.

Recensione a cura di:
Giampaolo Cossu Reloaded | Crea il tuo badge

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...