martedì 5 novembre 2013

ACCIAIO (2012)



Regia/Director: Stefano Mordini
Soggetto/Subject: Stefano Mordini, Giulia Calenda, da om. rom. di S.Avallone
Sceneggiatura/Screenplay: Stefano Mordini, Giulia Calenda
Interpreti/Actors: Michele Riondino (Alessio), Vittoria Puccini (Elena), Anna Bellezza (Francesca), Matilde Giannini (Anna), Francesco Turbanti (Mattia), Luca Guastini (Cristiano), Monica Brachini (Sandra), Massimo Popolizio (Arturo)
Fotografia/Photography: Marco Onorato
Musica/Music: Andrea Mariano
Costumi/Costume Design: Ursula Patzack
Scene/Scene Design: Luciano Ricceri
Suono/Sound: Emanuele Cecere
Montaggio/Editing: Jacopo Quadri, Marco Spoletini
Produzione/Production: Palomar S.p.A., Rai Cinema, Regione Toscana
Distribuzione/Distribution: Bolero Film
Vendite all'estero/Sales abroad: Films Distribution
censura: 106533 del 04-10-2012
Altri titoli: Steel

Stefano Mordini (1968) è un buon documentarista (Paz 77, L’allievo modello, Essere Claudia Cardinale, Il confine), ma un pessimo autore di fiction. In realtà ne ha girate soltanto due e con identica ambientazione, tanto che lo potremmo definire un regista siderurgico: Provincia meccanica (2005) e Acciaio (2012). Forse è stato scelto per Acciaio proprio perché aveva girato Provincia meccanica, ambientato in acciaieria, e la produzione riteneva che avesse maturato un’esperienza sufficiente per affrontare la tematica. Non è stata giocata la carta giusta, senza dubbio, ché Acciaio è un fallimento totale, un film poco comprensibile tanto è confusa e farraginosa la sceneggiatura. Un vero peccato, perché il romanzo di Silvia Avallone - edito da Rizzoli - aveva le carte in regola per essere trasformato in una pellicola di successo. La scrittrice non è indenne da colpe, però, visto che firma la sceneggiatura insieme al regista e a Giulia Calenda. Acciaio viene presentato alla 69° Mostra del Cinema di Venezia, quindi distribuito il 15 novembre del 2012, tra l’indifferenza generale di pubblico e critica. Alcuni motivi per vedere la pellicola: un’ottima fotografia curata da Marco Onorato, alcune sequenze cinematografiche girate tra la costa est piombinese e il centro storico e una discreta colonna sonora di Andrea Mariano. Provincia meccanica era parzialmente salvato (ma non troppo) da un’eccellente interpretazione di Stefano Accorsi, mentre Acciaio può contare sull’interpretazione spontanea di due ragazzine come Anna Bellezza e Matilde Giannini. Poche le cose buone: squarci di Piombino, i paesaggi marini, la fabbrica, i quartieri operai, la fotografia industriale (un po’ troppo scura), in definitiva il vero mestiere di Mordini, che è quello di realizzare documentari. Ma in questo film sembra di vedere uno scrittore che riempie le pagine di descrizioni e parole ricercate ma non riesce a trovare un contenuto degno d’essere seguito. Per il resto si racconta la profonda amicizia tra le due ragazzine, il sogno della fuga, la voglia di tornare in provincia costi quel che costi, ricorrendo a dialoghi improbabili e compassati, il tutto impostato con un montaggio lento. Il film procede per flash scollegati tra loro, girati in presa diretta, spesso i protagonisti sono al volante di un’auto e non si comprende il motivo. Il regista cerca di raccontare una storia torbida, tra il lavoro che non c’è, la cassa integrazione, la prostituzione, la micro criminalità e la fabbrica che sembra una triste matrigna. A Piombino - emblema d’una provincia siderurgica - il futuro è in mano ai vecchi, per i giovani la sola prospettiva è quella di emigrare. Mordini inserisce brani d’epoca tratti da La città dell’acciaio (1926), un documentario storico che racconta il lavoro in fabbrica a inizio secolo. La scena dell’incidente in fabbrica con la morte del ragazzo è realizzata molto bene, ma non basta. I personaggi sono privi di spessore, non ci si affeziona a nessuno, non si soffre per le loro sconfitte. Un film privo di anima. Freddo come l’acciaio di Piombino.

Recensione a cura di:


www.infol.it/lupi

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...